IL GIARDINO DELLE COSE

Videoambientazione per immagini a infrarossi

Videoambiente

Milano, Triennale, XVIII Esposizione Internazionale, 1992
Scarica pdf

Un contrasto violento: un blu cobalto che si impone sui toni scuri della stanza. Nei video, filtrate dal dispositivo agli infrarossi, compaiono le silhouette bianche di diverse mani; esse toccano oggetti di differente natura. All’inizio gli oggetti non sono rilevati ma, attraverso la manipolazione, il calore delle mani si trasferisce su di loro permettendone la visione. Toccare per vedere. Di fronte alla camera termica c’è la difficoltà di far permanere la figura rilevata strappandola al suo vuoto liberatorio: quello spazio buio nel quale tende a ritornare mano a mano che, esclusa dalle attenzioni, si raffredda. Il tempo rende instabile l’oggetto, lo trasforma in un passaggio continuo di nuove intensità.

Descrizione tecnica

6 programmi video sincronizzati, 18 monitor, 1 lungo tavolo

Crediti

Ideazione Fabio Cirifino, Paolo Rosa
Regia Paolo Rosa
Fotografia Fabio Cirifino
Riprese video Mario Coccimiglio
Montaggio video Cinzia Rizzo
Suoni e musiche Giorgio Battistelli