Proiezione di oggetti che ruotano sospesi

SCALE SOGNANTI

posted in OPERE

SCALE SOGNANTI

SCALE SOGNANTI

Stanza escheriana

videoinstallazioni

Milano, Palazzo Reale, “Escher”, 2016
  • Descrizione
  • Scheda Tecnica
  • Credits

UNA VALIGIA
Una donna fugge a scapicollo giù dalle scale.
Nella valigia dei sogni, le sue scarpe rosse,
un abito bianco e un cappello rosa.

Sul pavimento di una stanza quadrata scorrono, a diverse altezze, quattro rampe di scale. Suggeriscono uno spazio profondo che affonda sotto i piedi del visitatore. Tra di esse, fuori scala, compaiono piccoli animali, sfuggiti alle metamorfosi escheriane. D’un tratto le scale si fermano, gli animali scompaiono, cade dall’alto un oggetto che tocca una scala e rimbalza. L’oggetto continua a cadere e a rimbalzare sempre più in basso fino a scomparire nel vuoto tra le scale, mentre una voce racconta una brevissima storia, quasi un haiku. L’oggetto ricompare fluttuando di fronte allo spettatore, ruota lentamente come il satellite di un pianeta, si deforma, in uno spazio geometrico non euclideo. Tutto scompare di nuovo e le scale riprendono il loro moto.

La stanza è parte del percorso della mostra Escher nella sua tappa milanese.

2 videoproiettori
2 roku
2 speaker audio
programmazione messa in onda

Progetto Studio Azzurro
Direzione artistica Fabio Cirifino, Laura Marcolini
Fotografia Fabio Cirifino
Riprese video Mario Coccimiglio
Post-produzione video Lisa Cartuccia
Suono Gioele Cortese
Testi Laura Marcolini
Coordinamento di produzione Osvalda Centurelli
Allestimenti tecnologici NeoTech