Proiezioni di immagini provenienti dal satellite Meteosat

KEPLERS TRAUM

posted in OPERE

KEPLERS TRAUM

KEPLERS TRAUM

Opera videomusicale

spettacoli

Linz (Austria), Ars Electronica, 1990
  • Descrizione
  • Scheda Tecnica
  • Credits

Ogni giorno i rilevatori satellitari Meteosat analizzano la superficie della Terra ed esplorano il vuoto dell’universo, per poi mostrarne un’immagine mobile e dai colori sintetici, che rappresenta il dominio materiale sul mondo. Da queste riflessioni, insieme al compositore Giorgio Battistelli, è nata un’opera di teatro musicale allestita per il festival Ars Electronica di Linz e dedicata alla figura di Keplero.

Il testo scelto come riferimento, Somnium (1609), è assai particolare e simile a un episodio di fantascienza ante litteram. L’immagine in diretta della Terra, trasmessa in collegamento Meteosat durante lo svolgimento dello spettacolo, è il momento centrale della messa in scena dell’opera. Due videoproiettori ruotanti su differenti orbite riversano le immagini su un grande schermo semicircolare. Tra questi elementi sono collocati cantanti e orchestra – posta non a margine dello spettacolo, come da tradizione, ma al suo interno. Con quel tocco di ironia che si addice a un demone, un attore travestito da orchestrale manovra e illustra questa particolare visione dell’universo.

2 programmi video sincronizzati
2 videoproiettori mobili
2 videocamere per la diretta
3 videocamere IR
1 monitor 25'
1 diaproiettore modificato a radar
collegamento in diretta con il satellite Meteosat
1 computer
8 casse audio
progetto luci
1 schermo curvo
2 rotaie
2 carrelli
2 parabole

Produzione Festival Ars Elettronica, Linz
Ideazione Giorgio Battistelli, Fabio Cirifino, Paolo Rosa
Drammaturgia Giorgio Battistelli
Collaborazione alla Drammaturgia Lara Fremder
Regia Paolo Rosa
Collaborazione alla regia Katia Noppes, Luca Scarzella
Fotografia e progetto luci Fabio Cirifino
Riprese video Mario Coccimiglio, Elmar Bartlmae
Montaggio video Cinzia Rizzo
Suoni e musiche Giorgio Battistelli
Sistemi tecnologici Marco Faccincani
Attore Moni Ovadia
Performers Rossana Farinati, Augusto Masiello
Mezzo soprano Elisabeth Lang
Baritono Timothy Breese
Flauto solista Giovanni Trovalusci
Direzione d'orchestra Orazio Puccella
Orchestra Ensemble Officina Musicale Italiana
Costumi Nicoletta Ceccolini, Stefania Sordillo
Coordinamento progetto Roberta Carraro