WER MOCHTE WOHL KASPAR HAUSER SEIN?

Spettacolo di danza e video

Spettacolo

Norimberga, Oper Theater, 2000

Una soggettiva estrema che accompagna il precipitare da un punto iniziale sino al suo termine. Le videoproiezioni propongono immagini che sembrano appartenere al mondo infantile, con un pizzico di surrealtà, di eccesso di realtà, che le rendono estraniate. Figure colorate, elementari che prendono forma dalla luce dopo la lunga permanenza nell’oscurità. Nel buio Kaspar ha scavato il suo cosmo di piccoli eventi, abitato da insetti e animali fosforescenti. Ma questo mondo felice sarà presto riempito delle più pedanti convenzioni, delle più perfide ritualità sino a produrre una distorsione. Un data glove manovra le immagini in tempo reale, facendole interagire con i danzatori, cercando quel dialogo che sembra rispettare le libertà e che, invece, diviene imposizione.

Descrizione tecnica

8 videoproiettori, 1 non-linear videolayer, 1 cyber glove 3d animation, 1 microcamera

Crediti

Produzione Ballett, Nurber, MeisterSingers Festival
Ideazione Daniela Kurz, Paolo Rosa
Drammaturgia Daniela Kurz, Paolo Rosa, Wuve Sommer
Regia Paolo Rosa
collaborazione alla regia Davide Sgalippa
Fotografia e progetto luci Fabio Cirifino
Riprese video Mario Coccimiglio
Collaborazione alle riprese video Davide Scatà, Daniele Fianchini, Valentina Monti
Montaggio video Mara Colombo, Fanny Molteni
Suoni e musiche Riccardo Castaldi, Tommaso Leddi

Sistemi interattivi e tecnologici Stefano Roveda
Sviluppo software Orf Quarenghi
Elaborazioni 3d Claudio Molinari, Enea Le Fons
Progetto scenografico Stefan Morgenstern
Coreografia Daniela Kunz
Collaborazione alla coreografia Teresa Rottemberg
Costumi Daniela Kunz, Stefan Morgenstern
Produzione esecutiva Elisa Mendini, Martina Sgalippa
Produzione generale Reiner Bumke