IL SEGNO INVOLATO

Videoambiente

Taormina, Parco della Villa Comunale, "Taormina Arte", 1990
Scarica pdf

Sullo schermo meteo, un piccolo cursore a forma di croce si sposta indicando la posizione voluta, indicando traiettorie, precisando luoghi, esplorando mari, foreste, deserti, città con sicurezza e determinazione. Poi questo piccolo punto, questa crocetta alata che sembra avere la fisionomia di un Icaro distende le sue ali di cera ed esce dalla coordinata imposta, sparisce dallo schermo, sfuggendo la nostra volontà. Un incidente, come nell'evocazione mitologica? Oppure una fuga dalla finzione come nel personaggio Icaro di Raymond Queneau? Nel parco della Villa Comunale di Taormina, viene scoperto un segno a forma di croce, composto da ventiquattro monitor. In essi è rimasta impressa la sequenza degli spazi attraversati: territori pietrosi, fluviali, desertici, infuocati. Immagini rubate nella lunga fuga. Accanto, un mucchio di pietre laviche e uno di sale su cui viene videoproiettata la ricostruzione dell’itinerario del grande cursore mentre cancella le schermate satellitari.

Descrizione tecnica

24 monitor, 1 videoproiettore, immagini dal satellite, pietre laviche

Crediti

Ideazione Fabio Cirifino, Paolo Rosa, Leonardo Sangiorgi
Regia Paolo Rosa
Collaborazione alla regia Luca Scarzella
Fotografia Fabio Cirifino
Riprese video Giuseppe Baresi
Collaborazione alle riprese video Mario Coccimiglio
Montaggio video Cinzia Rizzo
Suoni e musiche Roberto Musci, Giovanni Venosta